‘Ndrangheta, Giovanni Tegano querela Klaus Davi: il 22 febbraio nuovo scontro in tribunale

Giovanni Tegano si è opposto alla richiesta di archiviazione della querela contro Klaus Davi. Il rampollo della nota famiglia di 'Ndrangheta di Reggio Calabria ha esercitato il suo diritto giuridico e, pertanto, la nuova udienza è stata fissata per il giorno giovedì 22 febbraio prossimo venturo presso il Tribunale di Milano. Il giovane Tegano si era sentito offeso da Klaus Davi, che nell'agosto del 2016 aveva criticato il suo profilo FaceBook durante un servizio della sua trasmissione "Gli Intoccabili", esortandolo ad abbandonare il linguaggio e l'atteggiamento sociale della 'Ndrangheta che si evinceva dai post anti-Stato e contro le forze dell'ordine che il ragazzo pubblicava con elevata frequenza.

La battaglia tra i due proseguirà dunque in tribunale, come sancito da notifica del 12 gennaio scorso (visibile qui sotto in allegato).

La famiglia Tegano, al pari dei De Stefano, del presunto killer Luigi Molinetti, dei Mancuso, dei Bonavota, dei Labate e di molte altre figure vicine alla criminalità organizzata calabrese, sono, da quasi due anni, gli obiettivi delle inchieste di Alberto Micelotta e Klaus Davi nel progetto audiovisivo "Gli Intoccabili" che sul web ha superato i due milioni e mezzo di visualizzazioni.