Ferrara (M5S): “Ordinanza del Tar Calabria su bando giovani agricoltori certifica le inefficienze ed i ritardi dell’amministrazione regionale”

"La recente ordinanza del Tar Calabria relativamente al ricorso contro il decreto di esclusione di oltre un centinaio di giovani agricoltori dalla misura 4 a valere sul PSR Calabria 2014/2020, certifica, ancora una volta, le inefficienze ed i ritardi che contraddistinguono da anni l'azione dell'attuale amministrazione regionale" così Laura Ferrara, europarlamentare calabrese del MoVimento 5 Stelle, commenta l'ordinanza del 10 novembre scorso del Tribunale amministrativo regionale che sospende l'efficacia del provvedimento emanato dal Dipartimento Agricoltura calabrese.

"E' assurdo che ogni bando o avviso pubblico emanato dalla Giunta Oliverio continui ad essere accompagnato puntualmente da costanti criticità e da tempistiche indefinite. Dallo sviluppo imprenditoriale, alle misure occupazionali ed inclusive, fino all'agricoltura – continua l'europarlamentare grillina - non si contano più gli "esempi" di cattiva amministrazione.

Nel caso specifico, è impensabile che l'iter di un bando così importante per i giovani agricoltori calabresi, emanato a giugno 2016, continui a restare impantanato in una fase di stallo a causa di malfunzionamenti e problematiche a più riprese segnalate ma mai analizzate e risolte.

Il Presidente Oliverio assuma le proprie responsabilità – conclude la Ferrara – e risolva concretamente i problemi dei cittadini calabresi, oppure faccia un passo indietro e si faccia da parte per il bene della Calabria".