Protezione Civile, anche il Calabria la campagna "Io non rischio"

La Protezione civile regionale, il volontariato di settore, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica si insieme in piazza per comunicare sui rischi naturali che interessano la regione. "Il 14 ottobre volontari e volontarie di protezione civile - è detto in un comunicato dell'ufficio stampa della Giunta regionale - allestiranno punti informativi 'Io non rischio' nelle piazze dei capoluoghi di provincia, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini su cosa fare per ridurre efficacemente i rischi naturali (sismico, idrogeologico, tsunami) e su come comportarsi durante un terremoto o durante un'alluvione per salvarsi la vita. Il cuore dell'iniziativa, giunta quest'anno alla settima edizione è il momento dell'incontro in piazza tra la cittadinanza e i volontari, sui quali la protezione civile regionale sta investendo moltissimo per la formazione e la specializzazione. Ma l'edizione 2017 sarà un'occasione speciale perché le piazze si arricchiranno di iniziative ed eventi: i volontari, infatti, accompagneranno la cittadinanza in un percorso legato alla conoscenza dei rischi specifici del territorio e alla memoria dei luoghi". "A partire dalle 10 di mattina e sino alle 20 di sabato 14 ottobre - prosegue la nota - più di 300 tra volontarie e volontari appartenenti a 37 realtà associative incontreranno i cittadini nei cinque capoluoghi di provincia. In particolare gli appuntamenti sono: Catanzaro, Piazza Prefettura; Cosenza, Corso Mazzini, tra Piazza XI Settembre e Piazza Bilotti; Crotone, la mattina in Piazza Resistenza ed il pomeriggio in località Passo Vecchio; Vibo Valentia, Piazza Martiri di Ungheria, Reggio Calabria, Piazza Italia. La Piazza di Reggio Calabria, teatro del devastante terremoto e conseguente maremoto del 1908 che la distrusse insieme a Messina provocando circa 80 mila vittime, sarà tra le quattro piazze (su 103 realizzate) che visiterà il Capo Dipartimento della Protezione Civile nazionale, Angelo Borrelli, a testimonianza del lavoro che la protezione civile regionale sta portando avanti sul delicato tema della prevenzione. Sono previsti, inoltre, collegamenti in diretta dalle Piazze con il Tg3 regionale e con le principali emittenti locali".

"'Io non rischio', campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico - riporta ancora la nota - è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile, con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L'inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica. Sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto".