Agricoltura, approvata piattaforma sindacale per rinnovo ccnl: soddisfatto Sbarra (Fai Cisl)

Approvata all'unanimità la piattaforma sindacale unitaria relativa al rinnovo del contratto nazionale degli operai agricoli e dei florovivaisti. La votazione ha avuto luogo questa mattina e ha coinvolto circa duecento delegati convocati a Roma per gli attivi unitari Fai Cisl, Flai Cgil, Uila Uil.
"La proposta sindacale - spiega il segretario generale Fai Cisl, Luigi Sbarra - configura una proposta molto avanzata, che si qualifica sugli assi delle tutele, della bilateralità, della legalità, del contrasto alla violenza e alla discriminazione di genere. E che conferma quanto la contrattazione sia essenziale per lo sviluppo di un comparto che ha sostenuto occupazione ed economia del Paese, specialmente negli anni più duri della crisi".

Il testo "spinge sotto il profilo dello stimolo ai salari di produttività e del consolidamento della bilateralità". Si propone in particolare "una tutela retributiva per i lavoratori con situazioni di malattia grave, i quali superato il periodo di comporto potranno utilizzare un'aspettativa retribuita di ulteriore sei mesi attraverso lo strumento della pariteticità".

Altro importante elemento riguarda "il consolidamento degli strumenti a sostegno della maternità, sulla falsariga di quello che abbiamo costruito nell'industria alimentare". Per quanto riguarda le donne vittime di violenza, si propone "il sostegno aggiuntivo al percorso di reinserimento alla vita lavorativa".
Fondamentale, poi, il riferimento alla necessità di trasformazione delle Casse extra Legem in Enti bilaterali territoriali: "un potenziamento capace di collegarci meglio alle novità introdotte dalla Legge 199 contro il caporalato e di offrire una formazione in linea con le sfide dell'innovazione tecnologica".

Parte ora la fase di interlocuzione e di negoziazione con le controparti agricole, in vista della scadenza del contratto in vigore, prevista il primo gennaio 2018.