In commissione Affari costituzionali del Senato il ddl per impedire a appartenenti alle mafie di fare propaganda elettorale

"Oggi verrà calendarizzato in commissione Affari costituzionali del Senato il mio Ddl che reca 'Disposizioni concernenti il divieto di propaganda elettorale per le persone appartenenti ad associazioni mafiose e sottoposte alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza', conosciuto come legge Lazzati". Lo dichiara il senatore Idv Francesco Molinari, membro della commissione Antimafia.

"Questo - spiega - è il primo passo nell'ambito dell'affermazione di un principio di civiltà che, sin dalla campagna elettorale, ha guidato tutto il mio percorso parlamentare: chi è condannato dopo tre gradi di giudizio non può votare e non può chiedere voti. Una battaglia di e per la legalità, la lotta alle mafie e al voto di scambio che mi vede da sempre in prima fila e che si tradurrebbe nell'applicazione della restrizione della libertà personale volta ad impedire ai sorvegliati speciali di pubblica sicurezza indiziati di appartenenza alla mafia, camorra, 'ndrangheta o similari di fare campagna elettorale. È una legge indispensabile - conclude Molinari - per regioni come la mia Calabria dove la morsa della 'ndrangheta stritola e condiziona i diritti civili e politici dei cittadini a esprimersi liberamente".