I gioielli di Richemont nella Riserva Naturale Valli Cupe

Su un totale di quattordici foto dell'intera mostra di gioielli che nel prossimo autunno sarà allestita a Londra, New York e Milano, due avranno come sfondo i paesaggi delle "Valli Cupe", l'area da poco diventata Riserva Naturale. A realizzare gli scatti fotografici è stato Guido Taroni, figlio di Giorgio, gallerista e collezionista d'arte, e nipote di Giovanni Gastel, uno dei più grandi fotografi di moda su scala internazionale. Per due giorni, Guido Taroni, con la sua troupe e cinque modelle milanesi con indosso gioielli d'ingente valore, ha visionato gli habitat più suggestivi dell'area "affascinato dalla purezza della luce e dai contrasti di panorami mediterranei risparmiati da processi di modificazione antropica". Taroni ha effettuato la "missione al Sud" su suggerimento di Giampiero Bodino, maestro dell'Haute Joaillerie italiana e direttore artistico di Richemont, colosso internazionale del lusso che annovera tra i suoi marchi Cartier e Montblanc.

Bodino ha fatto "della bellezza la sua musa" ed è sempre alla ricerca di nuove ispirazioni. Guido Taroni, prima di darsi interamente ai "clic" artistici, come modello ha prestato il proprio volto a campagne per alcune tra le più prestigiose linee della moda pret-a-porter, ma è stato protagonista, in esclusiva per Sky Arte HD, anche di un viaggio nei luoghi incantati del Belpaese. La sua prima mostra, "Sogni Sospesi", è legata alla scoperta di un baule chiuso da più di ottant'anni, riposto in una soffitta dell'antica villa di famiglia a Cernobbio, dentro il quale erano conservati un gruppo di eleganti abiti di haute couture appartenuti alla bisnonna Carla Erba Visconti di Modrone.