Altri Sport
 

Vitale, Rappoccio e Martino: ragazzi d’oro al Musacchio

Tre vittorie e cinque migliori prestazioni personali per i cadetti calabresi di scena al classico memorial "Musacchio", manifestazione in pista per rappresentative regionali, disputatasi ad Isernia, sabato 21 settembre u.s. Otto le regioni in gara: Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria, Puglia, Umbria, Marche, Molise, pubblico in festa a ritmo di musica, e tanti giovani dalle ottime qualità con grinta da vendere, hanno dato vita ad un meeting dagli spunti tecnici estremamente interessanti. Compagine Calabrese incompleta ma combattiva, trascinata da un tridente reggino da sogno, a cominciare dal primo posto sugli 80m piani del fulmine Alessandro Vitale (A.S.D. Sporting Club RC) vittorioso con un eccellente 9"17, crono che lo catapulta prepotentemente nella top ten italiana di categoria e nuovo primato regionale di categoria. Stesso destino per il lanciatore Vitaliano Rappoccio (Atletica Olympus), che con 15,78m alla terza prova, domina senza patemi la gara del getto del peso, mantenendo la leadership nelle graduatorie italiane con 16,57m. Non è da meno Samuele Martino (Asd Icaro RC) trionfatore nei 5000m di marcia in 24'38"31, attualmente secondo in graduatoria nazionale con un p.b. di 23'28"05, che conferma la tradizione positiva dei giovani specialisti del tacco e punta, da sempre protagonisti nelle manifestazioni che contano. Note liete anche dal settore salti, con il sesto posto del classe 2005 Matteo Caputo (Atletica Rendese) che si migliora nel triplo fino all'eccellente misura di 11,95m, ottenuta alla prima prova, ed il quinto di Margherita Manuardi (Atletica Olympus) fisico minuto dai piedi reattivi, con un 4,93m che lascia spazio ad ampi margini. Nel lungo maschile cresce Davide Parma (Magna Grecia Cassano), ottavo con 5,45m, anche lui come Caputo al primo anno di categoria. Nei 2000m la piccola Sofia Filice (Cosenza K42), usa la testa, correndo per gran parte in solitaria sulla scia di un gruppo di avversarie più esperto e rodato, in una gara obiettivamente fuori portata, che la relega all'ottavo posto in 7'37"30, con il nuovo record personale migliorato di 10". Nella serie extra degli 80m piani, quinto posto per Giuseppe Serpe (Cosenza K42) con 10"23, sesto posto nei 300m femminili per Rossella Mondilla (Fiamma CZ) in 44"29, stessa posizione per Vanessa Staffa (Tiger Castrovillari) nei 1000m corsi in 3'35"74, nona nel triplo la compagna di squadra Veronica Vocaturi con 9,11m, settima nel giavellotto Giuliana Briguglio (Atletica Minniti) con 27,31m, stesso piazzamento nei 3000m di marcia per Giorgia Alampi (Atletica Olympus) in 20'12"12. Classifica combinata a squadre appannaggio della Puglia, davanti a Marche e Abruzzo.