Altri Sport
 

La Top Volley Lamezia ingaggia Jacopo Fantini

Un altro volto nuovo alla corte di coach Vincenzo Nacci, un altro promettente atleta pronto a vestire i colori giallorossi. Approda alla Conad Lamezia lo schiacciatore classe 1998, nativo di Cuneo, Jacopo Fantini, reduce dalla stagione in Serie A2 con la Ceramica Scarabeo Gcf Roma, piazzati al primo posto al termine della regular season nel girone bianco.

Prima di approdare in A2 a Roma, per la banda piemontese cresciuta nelle giovanili di Cuneo, l'esperienza al Volley Segrate per tre stagioni, dal 2014 al 2017 (tra B1, B2 e B) dove ha vinto anche un campionato Under 19 (assieme al nostro Manuel Alfieri). Nel suo palmares anche un argento europeo con la nazionale Under19, la vittoria nell'8 Nazioni e un bronzo alle Olimpiadi giovanili.

"Sono uno schiacciatore a cui è sempre piaciuto attaccare, poi con il tempo ho capito che dovevo anche dare equilibrio alla squadra e ho cominciato a lavorare di più sulla ricezione"

Si descrive così il nuovo posto 4 della Conad Lamezia

"In campo sono aggressivo e cerco sempre di dare una mano ai miei compagni. Ho buone doti di difesa ma credo anche di poter dare una grossa mano in attacco"

Per lui lo scorso anno il primo approccio alla serie A2 che ritroverà quest'anno con una maggiore consapevolezza e l'obiettivo di trovare maggiore spazio

"In A2 sono un giocatore ancora tutto da scoprire – riconosce – il mio obiettivo è diventare un atleta completo e di qualità, dimostrare di essere all'altezza della categoria e mettermi in gioco, dimostrare di essere un buon giocatore di A2 e magari ambire in futuro a qualcosa di più"

Per concludere la trattativa con il club giallorosso sono bastate poche semplici telefonate

"Mi hanno chiamato presidente e allenatore dicendomi che puntavano molto su di me che ero importante per il progetto che avevano in mente – dichiara - la cosa mi ha subito allettato, l'unico dubbio era la distanza da casa ma dopo aver parlato anche con Manuel Alfieri, che è stato mio compagno di squadra a Segrate, non ho avuto più dubbi. Mi ha parlato bene della piazza, della società e dell'intero ambiente. Sono contento di ritrovarlo a Lamezia, siamo come fratelli. Ritrovo tra l'altro anche Bigarelli che è stato mio compagno nel mio primo anno a Segrate. Adesso ho solo voglia di conoscere il resto del gruppo e cominciare a lavorare insieme. Sono convinto che faremo bene."