Altri Sport
 

Voskuil bombardiere. Viola al lumicino. La sconfitta (68-78) contro Tortona sa di play out

viola orsidi Simone Carullo - Per una volta partiamo dalla fine. Se una squadra ha un giocatore in stato di grazia com'era oggi Alan Voskuil - 36 punti con 10/16 dall'arco - e perde di dieci senza mai dare l'impressione di essere in partita, vuol dire che qualcosa davvero non va. E che qualcosa non andasse lo sapevamo già da tempo, nondimeno è difficile spiegare cosa. Che sia l'allenatore, la squadra, la società, l'ambiente o un insieme di tutte le componenti. D'altronde, è altresì arduo dire cosa invece funzioni: infatti se la difesa annaspa, l'attacco sovente s'inceppa. Oggi, gli otto scesi in campo - oltre all'americano dell'Alabama - hanno combinato 32 punti in totale. Quattro in meno del solo Voskuil...

E' vero che questo non vuol dir niente com'è vero che si giocava contro la seconda forza del campionato. Ma se Tortona prima di stasera era già sicura di disputare i play off, per i neroarancio i play out sembravano ancora evitabili, quindi almeno in quanto a motivazioni è chiaro che che la Viola partisse avvantaggiata. E anche questo, alla luce della partita, non vuol dir niente.

I quintetti: la Viola scende in campo con Caroti, Voskuil, Fabi, Gilbert e Baldassarre. Orsi Tortona schiera Cosey, Greene, Cucci, Sanna e Garri.

Pronti via e Voskuil è già sugli scudi. 10 punti nel primo quarto (2/3 da 3 pts) per arginare il tentativo di fuga degli ospiti. Ma già nel secondo quarto i piemontesi allungano. Un parziale di 7 punti basta per generare lo strappo vincente. I neroarancio, sotto di dieci, non riusciranno più ad avvicinarsi nonostante le triple del numero 20. Come se non bastasse, sul finire del primo tempo arriva anche l'infortunio di Baldassarre, il quale rientrerà nel corso del terzo quarto sebbene vistosamente in affanno.

Nel secondo tempo gli uomini di coach Cavina sono in controllo, forti della loro supremazia fisica sotto canestro e della buona prova degli americani Cosey e Greene, i quali battono spesso il diretto marcatore generando scompiglio nella difesa neroarancio.

I ragazzi di Paternoster invece appaiono confusi, titubanti, spesso portano il cronometro allo scadere dei ventiquattro senza combinare nulla. Ribaltamenti inefficaci, giro palla lento, troppi palleggi. I giochi sono rotti dalla buona pressione dei piemontesi che assai di rado fanno trovare l'area sguarnita.

Oltre a Voskuil ci prova Fabi a dare un po' di energia, ma è troppo poco. Ultima nota negativa la percentuale al tiro da due: 41% con 11 su 27. Nel complesso è mancata lucidità, cattiveria, fluidità. Adesso non resta che attendere i play out e vendere cara la pelle.

Tabellino

25° Giornata – Serie A2 Girone Ovest

Viola Reggio Calabria – Orsi Tortona 68-78

Parziali: (14-15), (26-32), (44-57), (68-78)

 

Viola Reggio Calabria: Taflaj ne; Gilbert 5; Caroti 4; Fabi 11; Baldassarre 3; Rossato 7; Guariglia 2; Pandolfi ne; Voskuil 36; Caruso ne; Marulli; Babilodze.

Coach: Antonio Paternoster

 

Orsi Tortona: Greene 18; Cosey 23; Alviti; Ricci 12; Sanna 3; Taverna; Conti; Mascherpa 5; Garri 15; Cucci 2.

Coach: Demis Cavina