Agorà
 

San Marco Argentano: il 23 settembre l'evento "Padre Pio e la Valle dell'Esaro"

Cinquant'anni fa ci lasciava una delle figure più carismatiche del '900, San Pio di Pietrelcina, al secolo Francesco Forgione. Il frate cappuccino, diventato santo nel 1999, ha vissuto a San Giovanni rotondo, ed in vita ha avuto numerosi estimatori e fedeli che lo raggiungevano da ogni parte del mondo. Una figura mediatica che resiste al tempo e che rimane sempre attuale. Per queste motivazioni domenica 23 settembre alle ore 18:30 presso il Chiostro di Sant'Antonio in piazza Riforma a San Marco Argentano si terrà un evento dal titolo "Padre Pio e la Valle dell'Esaro", una raccolta di testimonianze di persone legate al Santo. Dopo i saluti di Angela Petrasso, assessore del comune di San Marco Argentano e Tiziana Anna Marino, presidente dell'associazione Noi con Voi, interverranno Celestino Capano, Michele Argondizzo, Antonio Modaffari, Teresa Ferrato, don Paolo Viggiano. Modera Orietta Scarpelli, presidente dell'associazione Scori. L'evento sarà trasmesso in diretta su radioscalosanmarco.net. Orgoglioso ed emozionato l'organizzatore dell'evento Antonio Parise, presidente regionale dei donatori di sangue Fidas Calabria «Padre Pio teneva molto ai donatori di sangue, infatti faceva spesso appelli a donare il sangue in favore dei pazienti dell'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, da lui fondato».