Agorà
 

Reggio: appuntamenti di grande rilievo alla Xenìa Book Fair 2019

Il pomeriggio del 13 luglio si è aperto con le riflessioni della scrittrice Ida Daneri cha ha presentato il suo libro Dentro l'anima, una storia fantasy che, tra luci e ombre, svela il potere del perdono e della forza che si cela dentro ciascun individuo e sottolinea come a chiunque sia concessa la possibilità di andare oltre i propri errori e di riscrivere il proprio destino.

È toccato poi allo scrittore Francesco Idotta descrivere il suo racconto Cercami quando finirà l'inverno, una storia delicatissima di sofferenza e amore, ma anche di coraggio, necessario ad accogliere il desiderio di riscoprire ancora la vita e di aprirsi all'altro nonostante il dolore. La kermesse letteraria ha avuto il piacere di ospitare Claudio Cordova, fondatore e direttore de Il Dispaccio, giornale reggino online, che ha reso evidente l'importanza di diventare una comunità reale, capace di superare l'idea di assistenzialismo e di sottomissione inconsapevole alla subcultura mafiosa che rende diffidenti nei confronti dell'altro, del diverso da sé. In questo contesto accoglienza significa essere «Tutti insieme e non da soli», una vera comunità grazie alla quale si possa essere più invulnerabili a determinati fenomeni di criminalità e di sofferenza sociale e, invece, più propositivi nell'affrontare e superare le disparità sociali che coinvolgono, in pari misura, cittadini stranieri e locali. Giorgi Kipiani e Khatuna Tsulubidze hanno presentato la loro associazione Georgia in Calabria, che ha come obiettivo principale quello di aiutare i compaesani della comunità georgiana presente a Reggio Calabria nel percorso di integrazione così da poter vivere e lavorare in modo sereno in Italia partendo da un apprendimento della lingua e della cultura italiana. Questo avviene in particolare grazie ai corsi tenuti da Giorgi stesso presso la Biblioteca De Nava di Reggio Calabria, che ha concesso loro da due anni l'utilizzo gratuito delle aule per questo scopo. Uno spazio importante delle attività dell'associazione viene dato anche alla conoscenza del territorio calabrese attraverso gite ed escursioni effettuate nei luoghi più belli e caratteristici. Infine, è stato presentato il libro di Carmelo Covani, ALBO D'ORO. I gallicesi nella seconda guerra mondiale, un saggio redatto scrupolosamente allo scopo di ricordare "il sacrificio eroico" dei caduti della seconda guerra mondiale, dei prigionieri, dei partigiani e dei medagliati, tutti originari di Gallico. Ad accompagnarlo sul palco anche Giuseppe Falcomatà, sindaco di Reggio Calabria, il fratello di S.E. Monsignor Santo Marcianò, Ordinario Militare per l'Italia. Il bersagliere Domenico Mancuso, nato a Gallico nel 1922, ha portato con passione la sua esperienza di soldato e prigioniero durante la seconda guerra mondiale, dai lavori forzati in un campo di prigionia tedesco fino alla liberazione, facendo rivivere al pubblico anche attraverso canzoni dell'epoca le emozioni belle, dolorose e nostalgiche che hanno caratterizzato la vita militare di allora. La Manifestazione, che ha ospitato centinaia di persone, ha avuto il privilegio di essere accompagnata al pianoforte dal Maestro Andrea Calabrese e al violino e da Luca Calabrese, i cui intermezzi musicali hanno reso magica l'atmosfera del Parco della Mondialità di Gallico.