Agorà
 

Ardore (RC), "L'albero di more": incontro con la narrativa di Gioacchino Criaco e la musica di Paolo Sofia

Martedì 24 luglio, alle 21.30, sul Lungomare (ex lido Ardor) di Ardore Marina, una serata dedicata alla narrativa potente e avvincente di Gioacchino Criaco, che presenta "La maligredi" (Feltrinelli), e alla poesia in musica di Paolo Sofia con il suo nuovo progetto musicale, "L'albero di more", ispirato al romanzo.

L'evento, promosso dall'amministrazione comunale di Ardore, guidata dal sindaco Giuseppe Grenci, e dal Caffè Letterario "Mario La Cava" di Bovalino, dopo i saluti istituzionali, vedrà Gioacchino Criaco dialogare con la giornalista Maria Teresa D'Agostino e il presidente del Caffè Letterario Domenico Calabria, sui temi del romanzo legati al progetto musicale di Paolo Sofia: la rivoluzione, il simbolico treno degli emigranti, le gelsominaie, l'amore e lo smarrimento generazionale. Paolo Sofia, cantautore sensibile e raffinato, sarà accompagnato da musicisti di talento come Salvatore Gullace (chitarra) e Giuseppe Stilo (fiati).

Gioacchino Criaco ha esordito nel 2008 con il romanzo Anime nere (Rubbettino), da cui è stato tratto il film omonimo diretto da Francesco Munzi, vincitore di nove David di Donatello, tre Nastri d'argento e del premio Sergio Amidei. Ha in seguito pubblicato i romanzi Zefira (2009) e American Taste (2011), sempre con Rubbettino, e, per Feltrinelli, Il saltozoppo (2015) e La maligredi (2018).

Paolo Sofia, frontman e anima creativa dei "QuartAumentata", autore musicale e interprete dalla grande personalità, vanta esperienze artistiche internazionali di altissimo profilo, vanta una cospicua produzione discografica. Nel 2017 produce un nuovo lavoro da solista "Il navigante del 3000".