Agorà
 

Bovalino (RC), il premio letterario “La Cava” allo scrittore Claudio Magris

Magris Claudio 1di Enzo Romeo - E' Claudio Magris il vincitore del premio letterario intitolato al grande scrittore Mario La Cava, edizione 2o17. Ieri sera la cerimonia di premazione a Bovalino, presentata dalla giornalista Maria Teresa D'Agostino. Magris, impossibilitato ad essere in Calabria, è intervenuto in video conferenza. Lo scrittore, germanista e docente universitario ( per lui anche un'esperienza come senatore in passato) ha regalato una piccola lectio magistralis. Uomo del profondo Nord- è nato e cresciuto a Trieste, dove è tornato a vivere, dopo un lungo e arricchente viaggio in mezzo mondo- che parla del Sud delle sue meraviglie e delle sue potenzialità che sono in attesa di trovare una degna rappresentazione.

Un messaggio significativo quello di Magris, che ha ricordato quanto sia importante il confronto tra popoli tra realtà diverse. Una regola di esistenza e di crescita del senso collettivo, che spesso non viene praticata. Ma ieri sera da Bovalino- la premiazione è avvenuta nell'aula magna del liceo scientifico Francesco la Cava- il messaggio di un sud capace di competere con il Nord è stato chiaramente lanciato e colto. Magris se ne è reso certamente promotore. Come del resto ha fatto Raffale Nigro, al quale è andato il premio speciale. Nigro, scrittore tradotto in tutto il mondo, giornalista, già capo redattore della Rai, ha incantato il pubblico, con un intervento intriso di ironica intelligenza, di ricchezza verbale e di profondità concettuale.

Alla serata hanno partecipato Anna Melato, una delle più autorevoli voci del teatro italiano, Domenico Calabria, presidente del Caffe' Letterario Mario La Cava, il giornalista Rai Mimmo Logozzo, il sindaco di Bovalino Vincenzo Maesano, entusiasta per un successo che potrebbe aprire un nuovo percorso per Bovalino, paese un tempo all'avanguardia negli ultimi anni mortificato da ragioni sociali gravi e inaccettabili.