Agorà
 

Reggio: il 21 novembre incontro con il poeta Natale Cutrupi

Proseguono presso la Sala di San Giorgio al Corso gli "Incontri con l'Autore" promossi dall'Associazione Culturale Anassilaos. Martedì 21 novembre alle ore 17,30 l'Associazione incontrerà Natale Cutrupi, architetto e poeta, studioso della storia locale e attento ricercatore di immagini–documento. Nel 1994 pubblica infatti, dopo approfondite ricerche storiche, il volume "Reggio Calabria nelle sue cartoline: immagini, storia, informazioni e cronaca della Città" per il quale ha ottenuto importanti riconoscimenti. Cultore delle tradizioni e degli usi della propria terra ha promosso e realizzato il "Calandariu Rriggitanu – muddhicat' i storia" nel quale sono riportati, oltre alle vicende storiche della Città, i lemmi dialettali di radice greca, latina, spagnola, francese, araba nonché proverbi, poesie ed altre rubriche; Nel luglio 2006 realizza il DVD: " Reggio Calabria - Un secolo di Storia" e nell'aprile del 2008 pubblica una silloge in vernacolo "versi in dialèttu mi sunnu liggiuti..." In quello stesso anno, in occasione del centenario del terremoto del 28 dicembre, da alle stampe, insieme al figlio Pietro, il volume: "Reggio, immagini di una catastrofe" Nel dicembre 2010 torna alla poesia con una raccolta di oltre 150 sonetti in lingua dialetto-vernacolo "Rione Mati" che raccontano la nascita e la storia del rione, delle famiglie, degli artigiani, e anche le aggregazioni e i rapporti di parentela con allegati i vari alberi genealogici. Nel dicembre del 2012 pubblica una silloge di poesie in lingua dialetto-vernacolo " Si pinzerusu? Leggiti 'na poisia ". Nel gennaio di quest'anno infine pubblica una nuova raccolta poetica di poesie in lingua dialetto-vernacolo " Ora timposu... ma quantu poisia mi resta" Ha partecipato a parecchi concorsi di poesia e conseguito significativi riconoscimenti. A presentare l'artista e la sua opera poetica sarà la Prof.ssa Pina De Felice, Responsabile Poesia Anassilaos. A leggere i versi in vernacolo sarà lo stesso Autore.