Agorà
 

A Reggio Calabria il "Bergamotto Art Festival"

Si è svolta stamani a Reggio Calabria, nelle sale di Palazzo Alvaro, la conferenza stampa di presentazione del "Bergamotto Art Festival", nuovo evento a cura della Fondazione Giuseppe Marino, che dal prossimo anno arricchirà l'offerta culturale della Città dello Stretto e di tutta l'area metropolitana reggina declinando in varie forme di innesti espressivi musica, parole, profumi e immagini nel segno di quello che è comunemente definito l' "oro giallo del Reggino".

La conferenza stampa, moderata dalla giornalista Federica Morabito, è stata aperta da Filippo Quartuccio, consigliere comunale e consigliere della Città Metropolitana delegato alla Cultura, che ha sottolineato l'importanza e la ricaduta in termini di crescita dell'offerta culturale che un evento di questa portata, di cui nei prossimi giorni si potrà fare un assaggio attraverso la ricca anteprima in programma mercoledì 13 e giovedì 14 settembre, può innescare sul territorio.

Il direttore artistico dell'evento, Antonio Marino, stimato medico psichiatra reggino da sempre impegnato al fine di contribuire alla crescita cultuale della sua città - di recente tornato agli onori della cronaca per aver fondato la Sveva Edizioni, nuova realtà editoriale e discografica che si pone l'ambizioso obiettivo di essere un polo culturale capace di individuare e valorizzare le eccellenze calabresi e di creare i presupposti per una visibilità e un'attenzione mediatica nazionale i talenti della nostra terra – ha poi presentato il programma dell'anteprima del festival, analizzando nel dettaglio gli eventi che si svolgeranno mercoledì e giovedì prossimi a Reggio Calabria.

La ricca "due giorni" di anteprima del Bergamotto Art Festival, che rappresenterà una sorta di continuazione dell'entusiasmante e ricchissima "Estate Reggina 2017", sarà inaugurata mercoledì pomeriggio (13 settembre) alle ore 18 a Palazzo Alvaro da Tavolo Tecnico Istituzionale per la promozione e valorizzazione del Bergamotto, cui seguirà la presentazione del foto racconto "Adduri" a firma del fotografo vibonese Gianfranco Ferraro, che avrà come colonna sonora la straordinaria musica del famoso violinista Lino Cannavacciuolo.

In serata, invece (dalle ore 21.30), nell'incantevole scenario naturale dell'Arena dello Stretto, dopo aver riso nel segno di Zelig con la simpatia e la bravura del cabarettista Antonio Caracciolo e del giovanissimo talento reggino Santo Palumbo, verrà dato spazio alla grande musica, con la prima delle due produzioni originali dell'evento: "Mediterraneo Donna: Atene, Cartagine, Reggio Calabria", che celebrerà in scena l'incontro di quattro straordinarie voci femminili provenienti dall'area mediterranea: la napoletana Barbara Bonaiuto, la tunisina M'Barka Ben Taleb, la greca Marina Mulopolos e la reggina Marinella Rodà.

Il giorno successivo (giovedì 14 settembre), invece, alle ore 21 presso l'Arena dello Stretto, Franco Arminio, inventore della "paesologia", scrittore e poeta di indiscussa fama, presenterà al pubblico la sua raccolta di poesie sull'amore e sul paesaggio - "Cedi La Strada Agli Alberi" - uscita quest'anno e già alla sua terza ristampa, mentre subito dopo l'eclettico Peppe Barra, accompagnato da musicisti di grande talento provenienti da varie parti del mondo, ammalierà il pubblico con "Il Canto dei Tamburi", straordinario concerto pensato e prodotto ad hoc in occasione del festival.

"Nelle nostre intenzioni c'è quella di realizzare una vera e propria festa per esaltare la ricchezza culturale della nostra regione, del Sud Italia e, in qualche modo, dell'intero bacino del Mediterraneo e di trasformare, così, Reggio Calabria in un crocevia di scambi culturali: arriveranno scrittori, poeti e musicisti che racconteranno ognuno il proprio Sud fatto dei paesaggi e dell'umanità che li abita" ha concluso il presidente della Fondazione Giuseppe Marino parlando del futuro del festival.

Dopo il direttore artistico, ha preso la parola Filippo Bova, il quale, nella sua doppia veste di consigliere del Comune di Reggio Calabria e di consigliere delegato della Città Metropolitana, ha sottolineato l'indiscussa valenza turistica e culturale dell'evento, che nelle aspettative di tutti dal prossimo trasformerà simbolicamente Reggio Calabria e il suo comprensorio nella "Capitale del Mediterraneo".

I lavori sono stati conclusi da Demetrio Marino, consigliere della Città Metropolitana delegato al Turismo e Spettacolo e al Marketing Territoriale Metropolitano, che è intervenuto anche in rappresentanza del Sindaco Falcomatà,il quale ha evidenziato come il Bergamotto Art Festival sia una manifestazione fortemente voluta da entrambe le amministrazioni pubbliche reggine (Comune e Città Metropolitana) ed ha annunciato che lo stesso, sin dalla sua prima edizione, sarà itinerante e coinvolgerà tutta l'area metropolitana della Città dello Stretto, divenendo, così, un pretesto per i turisti provenienti da tutta Italia e anche dall'estero per visitare il territorio più meridionale dello stivale e le tante bellezze che in esso si trovano.